Autunno, tempo di Foliage… perchè?

Foliage

Foliage…cosa?

L’autunno è una stagione fantastica per praticare escursionismo, andar per boschi, le temperature fresche sono decisamente gradevoli, spesso per tutto il mese di Ottobre.

Alcuni credono che solo in primavera o in estate sia possibile trovare panorami e paesaggi spettacolari, in verità non è sempre cosi.
La stagione fredda  può regalare giornate e paesaggi naturali unici che nessuna estate può mostrare, in special modo la magia del Foliage.

Perche identifichiamo questo periodo con il termine "Foliage"?

Foliage

Foliage è un termine inglese che significa, letteralmente, “fogliame”.

Questo termine viene usato nella lingua italiana per indicare un processo naturale che avviene durante il periodo autunnale. Le piante caducifoglie e non solo (scopriremo infatti che alcune aghifoglie si comportano così) cambiano di colore creando delle magnifiche sfumature di colore rosso, arancione, marrone e giallo.

Allo stesso tempo il termine foliage sta a significare un preciso momento dell’anno ed anche una vera e propria attrazione turistica che ha la sua maggiore espressione in Canada, Stati Uniti e il nostro bel paese, l’Italia.

Carotenoidi, antociani &Co.

Foliage
Lo so, parole decisamente fuori dall’uso comune ma in dettaglio, di cosa stiamo parlando? 

Il colore verde delle foglie dipende dalla clorofilla, un pigmento che ha un’elevata capacità di assorbire alcune componenti della luce visibile, una proprietà fondamentale per la fotosintesi.

Anche se le foglie d’estate ci appaiono verdi, ciò non significa che non contengano altri pigmenti o elementi caratterizzanti; la loro presenza è di solito completamente mascherata dalla clorofilla e quindi non percepibile dall’occhio umano.
Con l’inizio dell’autunno e della stagione fredda, le foglie raggiungono il loro stadio finale di invecchiamento stagionalee la clorofilla in modo del tutto naturale si degrada progressivamente, e si rivelano gli altri pigmenti presenti.
In Europa questi sono rappresentati soprattutto dai carotenoidi che spaziano dal giallo, all’arancione.
Foliage
I colori delle foglie autunnali che virano verso il rosso chiamano in causa ulteriori pigmenti, le antocianine (o antociani).
A differenza di clorofilla e carotenoidi, le antocianine non hanno un ruolo nella fotosintesi e non sono normalmente presenti nelle foglie.
Vengono prodotte in condizioni di stress, per esempio a causa del freddo, e in alcune specie anche durante l’invecchiamento delle foglie (senescenza).

Dove ammirare questo spettacolo?

Nel territorio piemontese è facile incappare in questo spettacolo di colori, visto che il territorio regionale ha una importate percentuale di boschi di caducifoglie ma alcune zone riescono ad esser più suggestive di altre.
A mio parere una delle zone più belle è quella del Parco Nazionale del Gran Paradiso, lungo la valle Orco e la Valle Soana i castagni ed i faggi donano delle colazioni fantastiche.

Quasi impossibili da  trovare in purezza perchè sono soliti trovarsi all’interno di boschi misti, ma prestare attenzione alle foglie più rosse come quelle dei ciliegi selvatici che creano contrasti favolosi.
 
Non sono da disdegnare, anzi, i bellissimi lariceti che donano all’ambiente dei colori giallo dorati unici negli ambienti di medio alta montagna.
Tra tutte le foglie dell’autunno so riconoscere l’unica che, invece di cadere, ha provato a volare. E so anche innamorarmene.
"Fabrizio Caramagna"
Ecco a voi una rapidissima guida per spiegare in modo semplice questa parola, Foliage entrata ormai nell’uso comune e con la quale identifichiamo l’autunno.
 

Credits Foto: Splitshire – Pixabay

Foliage
Credits Foto: Splitshire – Pixabay

SCOPRI I PROSSIMI EVENTI

Vai al calendario con tutte le prossime attività in programma!

Resta sempre aggiornato iscriviti al Gruppo WhatsApp

Apri la chat
Hai bisogno d'aiuto? Scrivimi!
Ciao come ti posso aiutare?